La storia

Napoli, la guerra della baby camorra terrorizza la città

Realtà peggio della fiction - I “barbudos” scatenati per il controllo dei traffici di droga

9 Giugno 2016

La barba lunga e curata da hipster, la moto, la Smart truccata e il fuoristrada. La parlata veloce e il nuovo slang che poco ha a che fare, ormai, con la lingua napoletana. Sono loro i baby boss, i barbudos. Carne malata della periferia di Napoli che vive nel sogno della camorra e con l’alito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.