Partiamo dalla fine, dal brindisi che sancisce il passaggio di consegne dell’Inter dal finanziere indonesiano Erick Thohir all’imprenditore cinese Zhang Jindong. I calici toccano la bocca, le braccia sono incrociate, come nei matrimoni occidentali. Ma in Cina quando si brinda è buona educazione tenere il bicchiere più in basso rispetto all’altro, in segno di rispetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Due, 17 o 200: la Cabala per le nuove resistenze

prev
Articolo Successivo

“Che la vostra prole nasca senza culo”. Ecco come ci insulteremo a “San Silo”

next