Ogni welfare vale, in tempi di crisi. Fino a un decennio fa, a Napoli, quando il business della camorra non era solo il mercato della droga, come accade adesso, le istituzioni tolleravano un certo welfare dell’illegalità per contenere le spinte sociali della disoccupazione: sigarette, prostituzione, lotto clandestino e ogni tipo di attività abusiva. Oggi a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Speravo non accadesse: ecco tutte le ragioni per cui lo dico

prev
Articolo Successivo

L’invasione degli ultra-Renzi (nelle tv)

next