In quasi due ore di incontro, ieri sera, il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini, e la giunta dell’Anm, capitanata da Piercamillo Davigo, hanno parlato anche del referendum di ottobre e del ruolo delle toghe nel dibattito pubblico. Legnini ha ribadito che per il Csm vuole un codice deontologico, che – anche se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria 1105

prev
Articolo Successivo

Il consigliere anti-trivelle epurato: “È killeraggio”

next