Frontiere chiuse: le nostre prigioni

1 Maggio 2016

L’Europa sta preparando per se stessa un attentato molto peggiore di quello temuto dal combattentismo islamico. Ciascun Paese pensa, propone o annuncia (e persino minaccia) di trasformare il proprio territorio in una cella impenetrabile. Per non correre il rischio di vedere in giro un profugo, un rifugiato, o magari quella maledizione vagante e inaccettabile che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.