Ci siamo talmente abituati alle favole del “terrorismo musulmano” dei nostri dittatori preferiti – parlo ovviamente di Nasser, Sadat, Mubarak e ora del presidente egiziano Al-Sisi – che rischiamo di crederci. La Fratellanza Musulmana e la sua campagna di “terrore” (in realtà la violenza in Egitto nulla ha a che vedere con la Fratellanza) hanno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Democratici, Hillary ha la strada spianata

prev
Articolo Successivo

Meno zombie più esorcismi. È il momento di “Outcast”

next