» Cronaca
martedì 13/09/2016

Terremoto, la denuncia dei vigili del fuoco: “Le macerie con l’amianto sono finite sotto la tendopoli”

Dopo il terremoto il sindacato Usb dei Vigili del fuoco denuncia la presenza di detriti pericolosi nel materiale usato per ampliare e livellare un piazzale ad Arquata del Tronto (Ascoli)

Detriti con amianto utilizzati per riempire, livellare e mettere in sicurezza le aree delle tendopoli. La denuncia arriva dal sindacato Usb dei Vigili del fuoco che nei giorni scorsi, tra Amatrice (Rieti) e Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), ha fotografato e filmato alcuni settori delle zone rosse: “Nella zona di Arquata del Tronto, vicino al palazzetto dello sport, accanto al campo mensa dei Vigili del fuoco – dice Costantino Saporito, coordinatore nazionale del sindacato Usb – hanno ampliato un’area e l’hanno coperta di detriti: tra quelle pietre c’è amianto. L’ho visto con i miei occhi e l’ho filmato. Se non bastasse, accanto c’è la piazzola di atterraggio per gli elicotteri, quindi il rischio diventa ancora maggiore perché, con il movimento delle pale, non possiamo neanche augurarci che l’amianto resti fermo. Alcuni colleghi ci hanno detto che si tratta degli stessi detriti utilizzati per riempire l’area sulla quale poggerà la tendopoli per la scuola di Arquata del Tronto”.

Se la presenza dell’amianto è documentata dalle foto e dai filmati, per quanto riguarda la tendopoli della scuola, non v’è certezza della presenza di amianto. Anzi, a sentire il sindaco, Alessandro Petrucci, non dovrebbe esserci alcun rischio: “Nell’area della scuola è stata trasportata solo ghiaia”, dice il sindaco al Fatto. Che vi sia amianto nei detriti trasportati, comunque, lo conferma Stefano Giordano, anch’egli del coordinamento nazionale Usb, che con Saporito ne ha documentato la presenza attraverso fotografie e video: “Oltreché nei detriti l’abbiamo visto nelle coperture dei tetti, nelle grondaie, nelle canne fumarie. L’abbiamo filmato e fotografato. Speriamo che qualcuno intervenga il prima possibile”.

Montaggio di Gisella Ruccia

Sulla presenza dell’amianto e sulla necessità di attivare un protocollo per il suo spostamento e smaltimento, l’Usb ha avanzato una richiesta formale il 3 settembre, con una lettera inviata al ministro Angelino Alfano e ai vertici del corpo dei Vigili del fuoco. “Ma non abbiamo avuto alcuna risposta”, conclude Saporito, che ha inoltrato al Fatto, oltre alle fotografie e ai filmati, anche il testo della lettera in questione. “Dopo un primo incontro”, spiega Saporito, “durante il quale abbiamo chiesto ufficialmente l’intervento dell’Arpa per effettuare dei rilevamenti, e dell’Asl, per concordare la procedura più corretta per smaltire l’amianto, abbiamo deciso di rinnovare la richiesta mettendola nero su bianco. Ma nessuno ci ha ancora risposto”.

L’oggetto della lettera è chiaro: “Richiesta di controllo delle zone di cratere colpito dal sisma da eventuale rischio amianto e richiesta di campionatura delle particelle presenti nel suolo e nell’aria nelle zone direttamente interessate dall’azione di salvaguardia degli operatori del soccorso da parte dell’Arpa”. E ancora: “Richiesta di un protocollo specifico, qualora si dovesse riscontrare la presenza di agenti nocivi, per il trasporto e contatto da applicarsi con la massima urgenza”. Il sindacato chiede che “siano prese tutte le precauzioni onde evitare il rischio da contatto degli operatori del soccorso e nel caso delle unità cinofile anche degli animali con particelle di amianto”.

“Quando si porteranno via le macerie – replica Luca Cari per il corpo dei Vigili del fuoco – allora sarà fatta l’analisi del rischio e, in base ai risultati, saranno adottate tutte le protezioni idonee e necessarie”. Resta il fatto, però, che Saporito e Giordano denunciano la presenza di amianto anche nella zona in cui dovrebbe essere allestita la scuola di Arquata.

“Nelle zone montane in cui i colleghi stanno lavorando – conclude Saporito – il problema più grosso deriva dalla creazione di piazzole per la realizzazione di aree sicure, dove montare delle tendopoli, visto che il commissario straordinario Vasco Errani non ha ancora firmato nessuna delibera per l’abbattimento delle case in crollo nelle zone rosse. Ne deriva che aree per le scuole e per il ristoro, giusto per fare un esempio, vengono formate utilizzando detriti spesso provenienti da Amatrice, come è accaduto ad Arquata del Tronto, dietro il campo in cui allestiranno la tenda che farà da scuola per i ragazzini. La presenza di amianto, oltreché altamente pericolosa per gli operatori che stanno lavorando, è veleno anche per il futuro insediamento della popolazione che ne usufruirà”.

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Consiglieri regionali

Marche, l’inchiesta “spese pazze” crolla: 60 prosciolti su 66

Marche, l’inchiesta “spese pazze” crolla: 60 prosciolti su 66

Crollacome un castello di carte l’inchiesta monstre della Procura di Ancona per 1,2 milioni di euro di cosiddette “spese facili” in Consiglio regionale, avviata nel 2012, che ha travolto la classe dirigente regionale. Scagionati dal Gup Francesca Zagoreo 60 imputati su 66. Qualche pacco natalizio o libro di troppo, 203 euro di beneficienza, calcolatrici regalate a studenti e un abbonamento a un’Accademia di cucina è ciò che resta in piedi dell’impianto accusatorio. Quattro anni di indagini, decine di udienze e audizioni e poi l’epilogo di oggi: in 55 sono stati prosciolti, 5 assolti con rito abbreviato, tra cui l’ex presidente della giunta Gian Mario Spacca, sei rinviati a giudizio per cifre irrisorie. La formula assolutoria dall’accusa di peculato è perche il fatto non sussiste. Oltre a Spacca (ex Pd, sconfitto alle ultime regionali, dove si era candidato con il suo Marche 2020 e Ap-Fi), l’ex vice presidente del consiglio regionale Giacomo Bugaro (Pdl) e il segretario regionale Pd Francesco Comi. Sollievo, da parte di chi è uscito fuori dall’inchiesta, ma anche rabbia per destini politici segnati da un’indagine finita in una bolla di sapone.

Il caso

L’amianto contenuto nelle costruzioni che si sono sbriciolate è uno dei pericoli a cui sono esposti i Vigili del fuoco e gli altri soccorritori intervenuti
dal 24 agosto nelle zone terremotate di Lazio, Marche e Umbria. Ad Arquata del Tronto quelle macerie contenenti amianto sarebbero state riutilizzate per ampliare un piazzale

Cronaca

“Baby boss come jihadisti, la morte ragione di vita”

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 13/09/2016

Gentile lettore, Il login con Facebook e Twitter è temporanemente non funzionante. La pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×