» Commenti
martedì 15/08/2017

Andrea Dovizioso, i primi quattro passi nell’epica

Andrea Dovizioso, nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopoli, ha sempre avuto l’unica colpa di coltivare la normalità in un microcosmo che, per sopravvivere, la normalità deve negarla in partenza. Più che un pilota, un ottimo pilota, è sempre stato percepito come un ossimoro. Anche e soprattutto da chi, peraltro, non conosce il significato della parola “ossimoro”. Nel suo caso, l’ossimoro è quello di presentarsi – correre, vivere – come “centauro razionale”. Così almeno fino a due giorni fa, quando a Spielberg ha vinto una delle gare più belle nella storia della MotoGp. Lo ha fatto con la Ducati, una moto che si vanta di essere inguidabile e che quindi in via teorica con il “razionale” Dovizioso non dovrebbe entrarci molto, e in un Paese (Austria) tornato a far parte del motomondiale nel 2016 dopo 18 stagioni di lontananza.

Marquez e la sua Honda hanno cercato di superarlo in ogni modo, come è giusto fare in uno sport in cui l’illecito non è solo quasi sempre lecito ma perfino auspicabile. Dovizioso si è trovato dentro una trama lontanissima da lui. A ogni curva pareva prossimo a capitolare, preferendo – forse – a quel punto un “tranquillo” secondo posto a un’eroica vittoria (o a una quasi eroica caduta). E invece Dovizioso si è mostrato pienamente spericolato. Di quella spericolatezza che non dimentica mai la testa e che non è mai spavalda.

Ognuno ha la sua natura e “il Dovi” non ha mai creduto di essere Kevin Schwantz, anche se a inizio carriera usava il suo stesso numero. Di Dovi si è spesso detto: “Bravo, però”. Gran talento, mai però abbastanza mediatico. Neanche nel suo Paese. Soprattutto nel suo Paese. Veniva sempre dopo qualcuno: dopo Rossi, dopo Biaggi, dopo Simoncelli, persino dopo Iannone. Campione del mondo in 125 nel 2004, nelle stagioni successive ha sempre fatto bene: mai primo, però. Il mondiale era sempre di qualcun altro.

Emblematiche le stagioni 2006 e 2007 in 250: sempre bravo ma sempre secondo, dietro il campione del mondo Lorenzo. Nel 2008 l’approdo in MotoGp, prima con la Honda privata e poi ufficiale. Una parentesi con Yamaha e poi Ducati. E giù ancora con le solite recensioni, resistite a torto o ragione fino a domenica: “Non rischia mai”, “È un soldatino”, “I campioni sono fatti in un altro modo”. Alle sue conferenze stampa, fino a pochi mesi fa, andavano in pochi. Errore, perché Dovi non è mai banale. Neanche quando c’è da rivolgere qualche stoccata ai colleghi, compreso Valentino Rossi, che è spesso parso la sua nemesi vincente e sfrontata.

Tra i due c’è stima vera, che è poi la parente timida dell’amicizia. I rispettivi tifosi, invece, si guerreggiano odiosamente: per gli ultrà rossisti “il Dovi è uno come tanti”, per i fan del forlivese Valentino è “l’evasore protetto dai media”. Esagerazioni, e deliri, da tifosi ciechi. Dovizioso non è mai vuoto nelle dichiarazioni: parla un buonissimo italiano, si dilunga su dettagli (non per lui) marginali, risponde a tutto e a tutti. Sempre con quell’aria da bravo ragazzo. Con quegli occhi da Rocky Balboa che non avrebbe vinto mai con Apollo Creed. Con quella ritrosia assoluta al gossip e all’orpello. Domenica “il Dovi” si è inventato un capolavoro – di tecnica, tattica, follia, raziocinio – impensabile. Non ha solo vinto: ha trovato, forse per la prima volta, una piena dimensione epica. In classifica generale è ora secondo, staccato 16 punti da Marquez e davanti a Vinales e Rossi. Mancano ancora sette gran premi: sarà durissima vincere il titolo, ma nessuno gli toglierà più tutto il talento che ha. Anche se qualcuno, alla prima sbavatura, ricomincerà a provarci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Commenti

Scuola, 50 anni di male in peggio

Vignette

La vignetta di Beppe Mora del 15/08/2017

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×