Venti squadre sono troppe: c’è il baratro delle piccole

Non si era mai visto un tale dislivello tra le big e le “provinciali”: così male solo nel campionato spagnolo. Alla base c’è pure un’eccessiva differenza tra i soldi divisi
Venti squadre sono troppe: c’è il baratro delle piccole

Nel paese dei Dybala e dei Mertens l’aspetto curioso è che, visto dall’alto, sembra un campionato molto divertente. Per trovare una triade a punteggio pieno – Napoli, Juventus, Inter – bisogna risalire al 1960. Perché sì, il passato non passa mai. Visto dal basso, viceversa, è un deserto. Siamo appena alla quarta, d’accordo, ma mezzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.