Vent’anni o pochi mesi: le parabole degli ultimi premier

Per apprezzare una parabola, di qualunque tipo ma in senso geometrico (anche se a volte coincide con quello concettuale), serve un minimo di distanza. Per cui infilare la testa nei “detti&contraddetti” non di Karl Kraus ma del suo geniale epigono Matteo Renzi non aiuta. Si, è vero, a un’osservazione non necessariamente ostile tutto quello che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.