Vanity Rai: Da Verdelli a Bignardi, una grande famiglia

Vanity Rai: Da Verdelli a Bignardi, una grande famiglia

Altro che lottizzazione: vanyficazione. Nel senso della rivista di moda e costume. C’era una volta la Rai di Umberto Eco, Furio Colombo, Angelo Guglielmi: quelli del Gruppo ‘63, l’avanguardia culturale del Paese. Oggi l’élite di viale Mazzini attinge da altri serbatoi: la nuova Rai a trazione renziana negli ultimi mesi si è riempita di giornalisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.