“Un mojito, poi l’addio: sono pronti, non si vede dolore”

Sabina Cervoni - Parla l’infermiera romana che da tre anni accompagna chi vuole morire
“Un mojito, poi l’addio: sono pronti, non si vede dolore”

Abbiamo brindato con un mojito. Era sereno. Poi ha preso l’anestetico e in pochi minuti è morto”. Sabina Cervoni racconta gli ultimi minuti della vita di una persona che ha assistito nel suicidio. Sabina è un’ex infermiera romana di 57 anni. Oggi presta servizio a Ginevra con l’associazione svizzera Exit, che – come la Dignitas […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.