» Cronaca
giovedì 02/03/2017

“Un mojito, poi l’addio: sono pronti, non si vede dolore”

Sabina Cervoni - Parla l’infermiera romana che da tre anni accompagna chi vuole morire
“Un mojito, poi l’addio: sono pronti, non si vede dolore”

Abbiamo brindato con un mojito. Era sereno. Poi ha preso l’anestetico e in pochi minuti è morto”. Sabina Cervoni racconta gli ultimi minuti della vita di una persona che ha assistito nel suicidio. Sabina è un’ex infermiera romana di 57 anni. Oggi presta servizio a Ginevra con l’associazione svizzera Exit, che – come la Dignitas […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

Dj Fabo, Cappato indagato per “aiuto al suicidio”

Cronaca

La morte è nostra, non dello Stato

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento
Cronaca
Racket in Sicilia - Beffa - Erano stati arrestati il 22 gennaio

Il Riesame ne scarcera 21 su 58: di nuovo liberi i mafiosi di Agrigento

L’agente provocatore ci serve
Cronaca
L’intervento

L’agente provocatore ci serve

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×