“Traffico di clandestini nel palazzo dei rifugiati”

L’inchiesta - I pm ipotizzano il favoreggiamento dell’immigrazione irregolare. Un’informativa Digos sui “subaffitti”. A giorni la Raggi vede il ministro dell’Interno
“Traffico di clandestini nel palazzo dei rifugiati”

Favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. È questo il reato per il quale procede la Procura di Roma nell’ambito dell’inchiesta aperta dopo lo sgombero del palazzo di via Curtatone. Ieri dalla Digos si è presentato Marcello Cacciapuoti, procuratore della Se.A., la società che ha in gestione l’immobile. Agli investigatori è stata consegnata altra documentazione ritrovata nell’immobile. A cominciare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.