Taxi, Ncc, Uber: così l’Antitrust vuole regolare il settore

Taxi, Ncc, Uber: così l’Antitrust vuole regolare il settore

L’Antitrust rivoluziona il settore dei taxi e degli Ncc. Nessun nuovo vincolo, territoriale o soggettivo, ma meno regole per gli operatori esistenti, più innovazione e digitale per agevolare la nascita di un “terzo genere” di fornitori di servizi di mobilità non in linea (Uber e Mytaxi, ad esempio) in aggiunta ai taxi ed agli Ncc. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.