Strage della stazione, i parenti delle vittime contro governo e pm: “Ci sentiamo traditi”

Strage della stazione, i parenti delle vittime contro governo e pm: “Ci sentiamo traditi”

Le critiche erano attese e non sono mancante. Ieri a Bologna, nel corso della commemorazione della strage del 2 agosto 1980 in cui morirono 85 persone e rimasero ferite duecento persone per una bomba piazzata dai neofascisti del Nar, i familiari delle vittime hanno criticato governo e magistratura. L’associazione dei familiari delle vittime della Strage […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.