Spread, Imu e il resto. Come farsi ri-fregare dalla “Silvionomics”

Un governo immobile nel 2011 si fece imporre dall’Ue i tagli, dalla Bce le scelte economiche e da Parigi l’attacco alla Libia
Spread, Imu e il resto. Come farsi ri-fregare dalla “Silvionomics”

Basta un numero: 574. Il record dello spread, la differenza tra rendimento dei titoli di Stato italiani e tedeschi, del 9 novembre 2011. Il giorno precedente Silvio Berlusconi ha detto di voler approvare la legge di Stabilità, prima di dimettersi. E i mercati hanno un sussulto di panico. Perché dall’estate precedente il governo di centrodestra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.