Sequestri per corruzione: prima la legge, poi l’inganno

Codice antimafia - La norma sulle misure di prevenzione sarà approvata ma la maggioranza impegnerà il governo a “depotenziarla” per decreto
Sequestri per corruzione: prima la legge, poi l’inganno

“Fatta la legge trovato l’inganno”, dice un vecchio detto popolare. Nel caso del Codice antimafia, che sta per essere approvato definitivamente alla Camera, si può mutuare così: “Fatta la legge, cambiata la legge”. Si sa già che per il Codice, quando sarà approvato, entro i primi giorni di ottobre, scatterà subito l’operazione cancellazione: verrà cambiato, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.