S’è aperta la guerra dei soldi dentro l’avvocatura italiana

Divisioni - Gli ordini provinciali critici col Consiglio nazionale forense. Tre i motivi: i fondi per “il Dubbio”, le indennità, una multa Antitrust
S’è aperta la guerra dei soldi dentro l’avvocatura italiana

Come capita anche nelle migliori famiglie, il motivo del contendere sono i soldi. Si parla della famiglia dell’avvocatura italiana o, più precisamente, del Consiglio nazionale forense (Cnf), la punta nazionale della piramide degli ordini provinciali, a cui tutti i legali sono obbligatoriamente iscritti previo esborso di una quota annuale. Parliamo di oltre 230 mila avvocati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.