Scordiamoci il passato, bentornato Mussolini

Caro Furio Colombo, d’ora in poi chi dovesse dare la vita per la libertà o anche solo per la verità (vedi il giovane Regeni) è avvertito: sta vivendo (e morendo) nel passato. E il passato, come ci avverte Duccio Trombadori, figlio del capo dei Gap partigiani romani, non conta. Conta fare spazio alla Mussolini. Martina […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.