Samsung, piange il telefono (e il suo boss)

La condanna - A Lee Jae-yong, erede dell’impero, cinque anni di carcere per corruzione
Samsung, piange il telefono (e il suo boss)

Il paradosso per Mister Samsung sarà quello di non poter usufruire di un cellulare per chiamare a casa. Almeno, questo dovrebbe prevedere la sua condizione di detenuto. Lee Jae-yong, 49 anni, erede dell’impero, già arrestato a febbraio, è stato condannato a cinque anni – la Procura ne aveva chiesti 12 – nell’ambito dello scandalo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.