Roma e non solo: la carica dei mille “bangladini” d’Italia

I piccoli negozi di prossimità, aperti a tutte le ore, in grado di vendere a prezzi stracciati. Un fenomeno della Capitale in rapida espansione
Roma e non solo: la carica dei mille “bangladini” d’Italia

I’m proud to be a businessman”. Aprire una frutteria, una lavanderia, un autolavaggio o, ancor meglio, un minimarket. È ciò a cui aspirano tutti i migranti bengalesi in Italia: diventare imprenditori. Anche a costo di violare la legge o finire in circuiti poco raccomandabili di usura, racket e sfruttamento del lavoro. Un punto di arrivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.