Re, spie e repressioni nell’incubatore del nuovo jihadismo

Marocco - Il sovrano Mohammed VI sostiene l’ islamismo moderato ma le sue frontiere sono crocevia del terrore
Re, spie e repressioni nell’incubatore del nuovo jihadismo

Da Barcellona a Casablanca: il tragitto dei pendolari jihadisti? È più che un sospetto. I fratelli Moussa e Driss Oukabir sono andati spesso in Marocco: l’ultima volta, sono rientrati a Ripoll lunedì scorso, ossia pochi giorni prima del massacro sulle Ramblas. La famiglia è originaria di Béni Mellal, capoluogo del Béni Mellal-Khenifra: una regione al centro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.