Re Giorgio, atto terzo. Dopo Monti e Letta ha fatto secco Renzi

L’ex presidente della Repubblica, il dante causa del renzismo, chiude con questa batosta i suoi 63 anni spesi in politica
Re Giorgio, atto terzo. Dopo Monti e Letta ha fatto secco Renzi

Cosa resta di Re Giorgio? Il cappello, il doppiopetto, la cravatta a nodo largo e l’urna incenerita. “Sono stato chiamato da Napolitano per fare le riforme”, disse Matteo Renzi all’esordio. Disfatta, dissoluzione, cenere e vento che ogni cosa si porta via. Ha perso anzitutto Napolitano, il dante causa del renzismo, il de cuius di questa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.