Provenzano, il boss del “cono d’ombra”

Quando “regnava” Totò Riina, Bernardo Provenzano viveva nella sua ombra. Quasi un alter ego che ne condivideva le scelte restando in disparte. Favorendo leggende impastate di nebbia che narravano tutto e il suo contrario. Secondo Saverio Lodato era “l’uomo ombra che c’è e non c’è, l’uomo grasso e malato, l’uomo asciutto e atletico, l’uomo che […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.