Profughi, sognando Zagabria bloccati nella nuova “giungla”

Rotta balcanica - Come Calais, la cittadina serba di Sid è un vicolo cieco. Pachistani e afghani sopravvivono senza acqua e luce: la Croazia è a 30 minuti di cammino
Profughi, sognando Zagabria bloccati nella nuova “giungla”

Quando la luce del tramonto cancella le ombre, comincia la giornata. In centinaia si mettono in coda per una ciotola di zuppa. Per molti l’unico pasto quotidiano. Sono almeno 500, in maggioranza afgani e pachistani, vivono accampati nei boschi a ridosso del confine. Una vecchia officina in disuso è stata trasformata nel loro campo base. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.