“PrestO”, il lavoro povero senza diritti che incentiva il nanismo delle aziende

Nel merito - Li useranno le imprese con 5 assunti stabili, cioè oltre il 90%
“PrestO”, il lavoro povero senza diritti che incentiva il nanismo delle aziende

PrestO come prestazione occasionale o come la fretta del governo di approvare definitivamente, attraverso due voti di fiducia, la reintroduzione dei voucher. Presto, prima della manifestazione per protestare contro lo strappo alla democrazia, convocata dalla Cgil per domani a Roma. Poco o nulla cambia rispetto alla vecchia disciplina che permetteva l’uso dei buoni lavoro alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.