Povero Matteo, che brutta fine…

Povero Matteo, che brutta fine…

C’era un tempo in cui appena parlava si sprecavano i flash d’agenzia e i tweet di massa di seguaci e parlamentari interessati ad aumentare il tasso di “renzianità”. C’era un tempo in cui le trasmissioni tv se lo litigavano e i direttori di giornale volevano sapere cosa pensasse dell’Italia, dell’Europa, cosa gli aveva detto Barack […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.