» Commenti
venerdì 10/11/2017

Elezioni, perdere divisi o uniti? Il dilemma a sinistra

Elezioni, perdere divisi o uniti? Il dilemma a sinistra

I risultati in Sicilia pongono il centrosinistra di fronte a un bivio: andare di nuovo divisi e perdere o perdere uniti? Alla prima ipotesi lavorano di concerto da un lato gli anti-renziani più accaniti come D’Alema e Bersani e dall’altro Matteo Renzi. D’Alema gioca d’astuzia. Essendo il più intelligente, sa di essere considerato invotabile dalla stragrande maggioranza degli elettori e per questo non si autoproclama leader della coalizione a sinistra del Pd ma auotoproclama leader della medesima chiunque rompa con Renzi e voglia allearsi col partito di Renzi.

Nell’ordine: Giuliano Pisapia, ex sindaco di Milano. Era il candidato perfetto per guidare il fronte anti-renziano di chi ha votato No al referendum poiché al referendum ha votato Sì, dimostrando così di apprezzare le riforme renziane ma non Renzi, esattamente come Bersani, Speranza e i tanti altri anti-renziani che hanno votato il Jobs act di Renzi e gli altri provvedimenti del governo Renzi. L’ipotesi è tramontata poiché tra il 99,2% degli elettori contrari alla candidatura di Pisapia risulta esserci lo stesso Pisapia. Mdp si è quindi orientata su Pietro Grasso, candidato ideale per guidare il polo alternativo al Pd poiché fino a ieri era del Pd. Un’idea di Nichi Vendola, tornato in campo perché “la politica – dice – è una malattia dalla quale non si guarisce”. Dunque, prova con l’omeopatia.

Quanto ai renziani, dopo il voto in Sicilia, hanno ammesso la sconfitta degli altri. Il Pd è spaccato sull’analisi: c’è chi dice che serviva un nome più noto e chi dice che invece andava benissimo “coso”, ma Renzi non si cura delle divisioni né dello scherno di Di Maio, che ha cancellato il confronto tv col segretario Pd perché non vuole rischiare di essere l’unico a perdere contro di lui. Né si preoccupa di Berlusconi, per il quale “Renzi non è un avversario credibile” (è più credibile come alleato). Punta a riconquistare gli elettori promettendo il Ponte sullo Stretto e il taglio dei vitalizi già promessi da Berlusconi e da Grillo fedele al motto “Se non puoi batterli, perdi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Ora Renzi e il Pd mettono nel mirino Mario Draghi

Politica

Niente accordi con la sinistra. Almeno per ora

Commenti

Mail Box

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×