Omicidio Caccia, processo da rifare per un errore

Omicidio Caccia, processo da rifare per un errore

Un “irreparabile vizio di forma” mette a rischio il processo in corso a Milano a Rocco Schirripa, presunto esecutore materiale dell’omicidio del procuratore di Torino Bruno Caccia, ucciso il 26 giugno del 1983. Il pm di Milano, su questa base, ha chiesto la revoca della misura di custodia cautelare in carcere per Schirripa. L’inutilizzabilità degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.