Nuovi coloni, il senso di Bibi per la Cisgiordania

Primo insediamento dopo 20 anni, altre case nelle zone già occupate. Onu: “Pace a rischio”
Nuovi coloni, il senso di Bibi per la Cisgiordania

Era dal 1991, l’anno precedente i negoziati di Oslo che Israele non metteva il timbro statale su un nuovo insediamento ebraico da costruire nei Territori Occupati palestinesi. Ma l’ingresso alla Casa Bianca dell’amico Trump e nel contempo l’indebolimento della coalizione di governo unita alle inchieste della magistratura sui “regali” ricevuti dal premier Netanyahu, hanno spinto l’esecutivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.