Non ci resta che Staino…

Non ci resta che Staino…

L’autodafé a cui s’è abbandonato ieri Sergio Staino è straziante e comico insieme: quanto a quest’ultima caratteristica una cosa a metà tra la lettera di scuse di Benigni e Troisi a Savonarola in Non ci resta che piangere (“ti salutiamo con la testa sotto i tuoi piedi”) e il Fantozzi di “è un grande direttore! […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.