Nel teatrino di Fortuna sto con lei e la Procura

Nel teatrino di Fortuna sto con lei e la Procura

Io non sono “Mister Holmes”, né pretendo di esserlo, ma le due fotografie della piccola Fortuna, la prima comparsa il giorno del suo schianto sull’asfalto, vestita e in posa come se dovesse reclamizzare un vestito per bambini di Benetton, i boccoli biondi che le scivolano lungo il viso; e l’altra, esibita dalla madre alcuni giorni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.