Nel carcere minorile dell’ultima rivolta: “O la morte o la galera”

Benevento - Tra i ragazzi detenuti ad Airola, protagonisti del film “Robinù” di Michele Santoro: “capi” già a 18 anni, rassegnati a 22
Nel carcere minorile dell’ultima rivolta: “O la morte o la galera”

Tu queste cose le devi fare ora che sei giovane. Perché così, se vai in galera per vent’anni, esci e hai tutta la vita davanti”. Parola di un camorrista di oggi, quello che non è mai stato bambino. Ma il camorrista di oggi ha la faccia imberbe. Non ha più di 20 anni. Sono i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.