Monsignor Charamsa e Ratzinger, “il pontificato più gay della storia”

La biografia dell’ex teologo polacco del Sant’Uffizio e l’ipocrisia clericale sulla questione omosessuale

Sarebbe certamente utile, nonché clamorosamente storico, se la Chiesa di papa Francesco accettasse di confrontarsi con la durissima autobiografia vergata dall’ex monsignor Krzysztof Charamsa, il teologo polacco dell’ex Sant’Uffizio, la moderna Congregazione per la dottrina della fede, che dichiarò di essere omosessuale e di avere un fidanzato alla vigilia del Sinodo sulla famiglia, nell’autunno scorso. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.