» Economia
venerdì 18/05/2018

Molti impegni, zero coperture: neppure il deficit può bastare

Il contratto - L’unico modo per far digerire il programma di governo a Mattarella è spalmare gli interventi su cinque anni

I compromessi raggiunti da Lega e Cinque Stelle su temi come immigrazione, giustizia, conflitto d’interessi e costi della politica rischiano di essere vanificati da un dettaglio: l’intero pacchetto di misure economiche annunciate è privo di coperture. O meglio, nelle bozze del contratto di coalizione circolate finora non è indicata alcuna fonte di finanziamento.

Entrambi i partiti sono d’accordo sul finanziare alcune proposte in deficit, cioè con l’emissione di nuovo debito. Il senatore leghista Armando Siri parla di 24 miliardi di deficit aggiuntivo, circa la differenza tra il deficit nominale previsto per il 2018 (1,6 per cento del Pil) e la soglia obiettivo fissata dal Trattato di Maastricht, 3 per cento. Primo problema: non è quello il vincolo più stringente, dal 2012 l’obiettivo da raggiungere è il pareggio di bilancio strutturale (cioè tenendo conto del ciclo economico). L’Italia è inadempiente e la Commissione europea già ci contesta di non aver ridotto il deficit strutturale quanto promesso, cosa che richiederebbe una manovra correttiva da 5 miliardi.

Secondo problema: anche ignorando la Commissione, i 24 miliardi basterebbero appena per un paio delle misure nel programma. Fermare l’aumento dell’Iva che scatterà a gennaio 2019 richiede 12,5 miliardi il prossimo anno e 19,5 nel 2020. Il reddito di cittadinanza, voluto dai Cinque Stelle, ha un costo stimato di 17 miliardi più 2 miliardi per la riforma dei centri per l’impiego. Questi costi sono viziati da un errore che i Cinque Stelle ripetono da cinque anni: l’Istat stima un costo di 15 miliardi perché attribuisce un reddito fittizio ai proprietari di casa pari all’affitto risparmiato, così da equiparare inquilini e proprietari a basso reddito. Ma la proposta di legge dei Cinque Stelle non fa questa distinzione: o si cambia la proposta, e molte persone prenderanno meno del sussidio massimo pari a 780 euro, o i costi salgono a 30 miliardi.

La Lega ha messo nel programma una “quasi-flat tax”: due aliquote per i redditi delle persone fisiche, 15 per cento fino a 80 mila euro annui e 20 per cento sopra, e 15 per cento per le imprese. Soltanto la riforma dell’Irpef per le persone fisiche, stimano Massimo Baldini e Leonzio Rizzo su LaVoce.info, genera un mancato gettito di 50 miliardi il primo anno. Si può usare il deficit anche per finanziare questa riforma? Sì e no. Se si decide di violare ogni vincolo europeo, con le conseguenze inevitabili in termini di aumento dei tassi di interessi sul debito e sanzioni della Commissione, tutto è possibile. Ma la scommessa della flat tax è di stimolare l’economia e i consumi grazie ai risparmi per i contribuenti (concentrati nella parte alta del ceto medio, le famiglie con reddito annuo sopra gli 80.000 euro). Se però quei soldi in più derivano da un deficit e non da coperture vere, il contribuente avrà sempre il dubbio che presto o tardi gli verranno chiesti indietro con nuove tasse. Sulla carta si può tagliare la spesa o si possono mettere nuove tasse (intervenire su detrazioni e deduzioni, le cosiddette tax expenditures che i Cinque Stelle vogliono toccare significa questo). Ma il contratto di coalizione non chiarisce nulla su questo. L’Ufficio parlamentare di bilancio, l’autorità indipendente sui conti pubblici, ha chiarito già a febbraio che la strada è stretta: la spesa sanitaria non può scendere senza cali sensibili della qualità del servizio, ridurre ancora gli investimenti in calo dal 2010 (che Lega e M5S vogliono aumentare) danneggerebbe la crescita, intervenire sulla spesa corrente – i famosi acquisti di beni e servizi della Pubblica amministrazione – consente limature, ma non tagli drastici e comunque non in tempi rapidi. Si potrebbe ridurre il personale dello Stato, sia pure con grande fatica, ma Lega e Cinque Stelle promettono invece nuove assunzioni a migliaia.

La bozza di contratto parla di finanziare gli interventi “attraverso il recupero di risorse derivanti dal taglio agli sprechi, la gestione del debito e un appropriato ricorso al deficit”. Come si possa usare il debito per generare risorse è un mistero. L’unico modo sembra essere non rimborsandolo, o rinegoziando le condizioni di rimborso per spostare le scadenze. Ma questo equivale a una bancarotta mascherata dello Stato sul modello della Grecia. C’è poi l’ennesimo condono fiscale per chi ha contenziosi con Equitalia dovuti a “situazioni eccezionali e involontarie di dimostrata difficoltà economica”. Ma visto che c’è una misura analoga ogni anno da anni, sarà difficile recuperare cifre considerevoli. E comunque è una copertura una tantum.


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Nessuna svolta sulla precarietà, si insiste coi sussidi alle imprese

Politica

Val d’Aosta, al voto in 135 mila per “pesarsi” un’ultima volta

La solitudine di Confindustria tra caso Montante e Salvimaio
Economia
L’assemblea - Nessuna critica all’imprenditore arrestato

La solitudine di Confindustria tra caso Montante e Salvimaio

Tav Torino-Lione, ecco perché lo stop è possibile
Economia
Binari - Alta velocità

Tav Torino-Lione, ecco perché lo stop è possibile

di
Farmaci oncologici, l’Ue abbassa i prezzi
Economia
Sanità ko - L’intervento di Strasburgo

Farmaci oncologici, l’Ue abbassa i prezzi

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×