“Mio padre non capisce più neanche cos’è l’ergastolo”

“Mio padre non capisce più neanche cos’è l’ergastolo”

La condanna all’ergastolo, più di quarant’anni dopo la strage di piazza della Loggia, è arrivata quando il medico veneziano Carlo Maria Maggi non sembra più capace di comprendere che dovrebbe scontare il carcere a vita. “È malato, in parte incosciente, costretto a passare dal letto alla poltrona. Non è più neanche in grado di capire […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.