» Politica
venerdì 23/06/2017

Formigoni: “Mi dicono pirla, non corrotto. Il Celeste non si scomunica. Ho avuto successo perché sono forte e bravo”

Roberto Formigoni - Dopo la condanna per corruzione, il senatore non teme il pugno duro del Papa: “Sono bravo e forte: innocente”

A me interessa soltanto parlare del processo.

Le mie erano notazioni intimiste.
Non sono interessato alle sue notazioni.

Roberto Formigoni è stato condannato a sei anni per corruzione.
Sono furibondo, mi sembra tutto assurdo, incredibile. È una storia che va raccontata per bene.

Comunque c’è l’appello.
I miei avvocati sono già al lavoro.

C’è stato complotto.
Non direi, non arrischio tanto.

Persecuzione, dai.
Diciamo accanimento. Del resto il centrodestra è stato bersaglio strutturale dell’azione delle procure, obiettivo permanente, soggetto propulsore dell’altrui attività censoria.

Ma com’è stato possibile che uno come lei…
Dunque: innocenti i dirigenti che avevano deciso, innocenti gli assessori che avevano condiviso, innocenti i funzionari che avevano deliberato e materialmente finanziato le somme per la Maugeri e il san Raffaele. Tutti innocenti. Un unico colpevole: Formigoni.

La sua caratura politica era tale, il dominio assoluto, la personalità così forte. Non per niente era il Celeste.
Ma il Celeste è un nomignolo affibiatomi dagli amici alleati di governo per via della giacca celeste.

La giacca celeste la ricordo benissimo.
E del fatto che il mio ufficio fosse al trentacinquesimo piano del Pirellone.

In linea d’aria un po’ più vicino a Dio rispetto al resto del mondo. Il Celeste condannato è un ossimoro. È contro il principio di gravità.
Devo ancora completare la lettura delle motivazioni della sentenza. La sostanza è che vengo condannato per aver finanziato benemerite istituzioni sanitarie, per aver dato accesso alle migliori cure la povera gente che ancora mi ferma per strada, in metrò.

E la gente che incontra come fa?
Spesso mi chiede: quando ritorna?

Ma lei si ricandiderà?
Questo non lo so, è dal 1975 che sono in politica e certo ascolterò gli amici sul da farsi. Finora ho sempre fatto così. Sempre con una messe di voti invidiabile. Davanti a fior di politici. Ricorda un certo Scalfaro? Io prima di lui. Ricorda un certo Martinazzoli? Io prima di lui.

I suoi occhi incrociano quelli dei lombardi. Scruta livore oppure ossequio? Amicizia oppure odio?
Alcuni se ne fregano, in tanti mi riconoscono, altri chiedono: ma lei è Formigoni?

E poi che succede?
Qualcuno ti stima, qualcuno se ne fotte, qualcuno ti dice pirla.

Pirla.
In politica ci sta.

Si è fatto corrompere da Daccò. Il faccendiere che sgancia al Celeste.
Ah ah, questa è davvero bella! Un’amicizia, una vacanza in regalo restituita con una bella cena. Sai che corruzione.

I suoi conti correnti zeppi di soldi ma immacolati, nessun movimento.
Falso, falsissimo. Lei sa che vivo in comunità, e sa che davo alla cassa comune una quantità di danaro significativa: tra i sessanta e i settantamila euro l’anno. Quei soldi erano per i bisogni minimi e più materiali.

Ma lei non aveva bisogno di un cappuccino al bar, un pranzo veloce a un fast food, un acquisto di una saponetta? I giudici non ricordano una sua operazione con la carta di credito. Tutto cash.
Ma che dice? Ma lo sa che Formigoni durante gli anni del suo governo della Lombardia girava come una trottola? Dieci milioni di abitanti, mai negato una risposta a una richiesta. Scrivevo io o facevo rispondere. E nella settimana non c’era giorno che non fossi invitato a pranzo, non c’era ora che non avessi qualcuno che mi offrisse il caffè. I giornali li trovavo in ufficio, la vettura era quella della questura perché soggetto sotto protezione. Quelle sere che riuscivo a stare a casa ero felicissimo.

Membro della casa della famiglia ciellina, i memores domini, dove si coltiva la dedizione totale a Dio.
Quelle poche volte cenavo da solo e poi – stravaccato – ascoltavo musica.

Allora è complotto.
Io non lo chiamo complotto.

Allora non è complotto.
Però qualcosa di incredibile è successo: come sia stato possibile condannarmi è un mistero, che diviene doppio se si pensa che tutti gli altri sono assolti.

E un altro mistero, questo dovuto alla fede, sta per inghiottirla. Papa Francesco vorrebbe tener fuori dalla casa di Cristo i corrotti. Si dice che sia pronto già il decreto. Ora converrà che il Celeste che non possa mettere piede in chiesa sarebbe un atto inaudito, andrebbe finanche contro le leggi della fisica.
Quale corruzione? In-no-cen-te. Sono innocente e sarà dimostrato chiarissimamente.

Forse gli avvocati hanno avuto qualche défaillance.
Hanno fatto un lavoro perfetto. Dovremo fare uno sforzo per convincere di più il giudice di appello.

Formigoni condannato.
Diciamoci la verità. Formigoni ha avuto successo in politica e ha esercitato il potere perché è forte e bravo.

Bravo.
Molto bravo. E forte, perché la mia capacità di lavoro, la mia dedizione, la fatica con la quale ogni giorno ho seguito gli affari pubblici è incontestabile. Tutti i lombardi vedevano che la luce nel mio ufficio non si spegneva prima di mezzanotte.

Speriamo bene.
Sicurissimo, innocentissimo. Buongiorno.

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
A sinistra

Pisapia contro Lotti e Renzi: “Nessuna intesa elettorale”

Giuliano Pisapia ora riprende le distanze da Renzi. Dopo oscillazioni e timidezze, l’ex sindaco di Milano pare un po’ più convinto dell’abbraccio con Bersani e compagni e un po’ più lontano dall’ipotesi di prestare il fianco (sinistro) al Pd. “Leggo sulla stampa retroscena – ha scritto ieri Pisapia in una nota – secondo cui il ministro Luca Lotti, su indicazione del segretario del Pd, avrebbe cercato di contattarmi per definire un’intesa. Oltre a non aver avuto alcun contatto con il ministro Lotti, ribadisco quanto ho più volte dichiarato: è quantomeno singolare che dopo essersi accordato con Forza Italia, Lega e M5S per una legge elettorale che avrebbe portato inevitabilmente a un governo di larghe intese, Matteo Renzi si rivolga a me per un’intesa elettorale”. Procede quindi il percorso di federazione del suo Campo Progressista con Articolo 1. Domani Pisapia e Bersani partecipano insieme all’assemblea del Centro democratico di Bruno Tabacci a Napoli. Il primo luglio è la data del “matrimonio”, a Roma, in piazza Santi Apostoli. Poi si procederà all’unificazione dei gruppi parlamentari: oltre agli onorevoli che hanno aderito al progetto di Pisapia, con Mdp dovrebbe congiungersi anche qualche senatore del Pd.

Politica

Bimbo leucemico morto di morbillo. Contagiato dai fratelli non vaccinati

Economia

Panico Padoan, non sa cosa rispondere al diktat di Intesa

Iran, precipita aereo: nessun sopravvissuto
Politica
A bordo 66 passeggeri

Iran, precipita aereo: nessun sopravvissuto

Politica
La moglie: “M’ha aggredito”

De Falco: “Mai violento, accuse denigranti”

Incidenti sulle Alpi, muoiono tre sciatori
Politica
Valanghe e fuoripista

Incidenti sulle Alpi, muoiono tre sciatori

Matteo esclude le larghe intese, ma tace su Silvio
Politica
I 100 punti del programma

Matteo esclude le larghe intese, ma tace su Silvio

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 21 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×