Mezzo milione in piazza Don Ciotti: “Siamo sbirri”

Giornata della memoria antimafia in tutta Italia, in venticinquemila a Locri con il fondatore di Libera bersagliato dalle scritte sui muri
Mezzo milione in piazza Don Ciotti: “Siamo sbirri”

Venticinquemila persone a Locri. Per lo più ragazzi e molti familiari di vittime della mafia. I nomi dei loro cari uccisi dalla ferocia dei boss sono stati letti dal palco allestito nella piazza centrale della cittadina calabrese. Per la giornata della Memoria, Libera e Luigi Ciotti hanno riempito Locri di cori contro la ’ndrangheta e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.