L’ok ai matrimoni gay e le acrobazie politiche di Angela

La cancelliera Merkel si oppone ma lascia libertà di voto ai suoi e così la vittoria è anche dei conservatori Cdu e Csu
L’ok ai matrimoni gay e le acrobazie politiche di Angela

La nuova acrobazia politica di Angela Merkel è il via libera del Bundestag al matrimonio fra omosessuali con una maggioranza “irregolare” composta dalle opposizioni (Linke e Verdi), dalla Spd e da una parte dell’Unione. Con una mossa a sorpresa, la cancelliera aveva lasciato libertà di espressione ai suoi, votando poi personalmente contro. Eppure ha “vinto”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.