L’oasi e il mercato degli schiavi

A Sabha, porta di accesso dal Sahara alle coste del Mediterraneo, centinaia di immigrati sfruttati e ricattati nella rete di trafficanti, milizie e autorità libiche
L’oasi e il mercato degli schiavi

Centinaia e centinaia di rifugiati e migranti africani sono rapiti in Libia per chiederne un riscatto o per essere messi in vendita per il lavoro forzato o lo sfruttamento sessuale: siamo di fronte a un mercato degli schiavi. Accade soprattutto a Sabha, la città nell’oasi del Fezzan che è lo snodo delle principali vie di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.