Lite tra Gentiloni e Renzi sulla fiducia al ddl penale

Il debole premier è divenuto un leader forte: nessuno in Parlamento vuole andare a votare
Lite tra Gentiloni e Renzi sulla fiducia al ddl penale

La riforma della giustizia è passata ieri alla Camera. Con la fiducia. Sulla quale martedì c’è stato l’ennesimo confronto tra il segretario del Pd, Matteo Renzi e il premier, Paolo Gentiloni. Il primo non avrebbe voluto, il secondo ha insistito, ha resistito. Anche perché il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, da sempre indicato – insieme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.