L’incubo dei misteriosi zero virgola

Non sono quel che si dice una studiosa, tendo alla sufficienza che nel mio caso è sinonimo di sopravvivenza, ma se c’è una materia che non capisco è la matematica. Non parlo di algebra, equazioni o trigonometria, misteri gloriosi che ti terrorizzano, no! Parlo di scuola elementare, moltiplicazioni, sottrazioni e divisioni! Sono una tragedia greca […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.