L’impero ex sovietico in uniforme da gara

La posta in gioco. Perché intorno allo sport si sta combattendo una nuova guerra fredda “soft”
L’impero ex sovietico in uniforme da gara

Lo sport come prosecuzione della guerra con altri mezzi. Le recenti vicende del doping di Stato russo, cui seguono le accuse esplicite fatte dalla Russia d’ingerenze statunitensi, mostrano come sul terreno dello sport sia in atto un conflitto, certo meno sanguinario ma di pari importanza strategica rispetto ai veri e propri teatri di guerra sparsi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.