L’errore punito a pugni. La solitudine di Pinsoglio, di professione portiere

L’errore punito a pugni. La solitudine di Pinsoglio, di professione portiere

Avere ventisei anni, giocare a calcio in Serie B, passare la notte in ospedale per il pugno di un tifoso della tua squadra. Non è la prima volta che accade, solo in questa primavera gli episodi di Foggia e Potenza e molti altri nel calcio minore. Ieri è successo a Carlo Pinsoglio, portiere del Livorno, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.