Le violette sfiorite di Chernobyl

Come nella Domenica bestiale di Fabio Concato mi succede nelle mie passeggiate al parco di mangiare un fiore, le campanelline violette. Sembrerò un po’ matta, ma io mi sento come l’Ape Maia gialla nera e tanto gaia, vado di fiore in fiore a suggere la goccia zuccherina del nettare. È buona! Ho assaggiato di tutto: […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.