Le contorsioni di Grillo: critica e poi approva il finto tedesco

Prima dice: “Questa legge non si capisce”. Ma si corregge: “Stiamo lavorando bene”
Le contorsioni di Grillo: critica e poi approva il finto tedesco

Metti Beppe Grillo tra la gente, a parlare, e lui dirà come la pensa davvero. “Stiamo facendo una legge elettorale che non capisce più nessuno, neanche voi riuscite a capire quando dovete mettere otto croci su cinque sei cose che non capite”, ammette il fondatore dei 5Stelle a Taranto, mentre chiacchiera con alcuni operai dell’Ilva. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.