Lavoro, casa, fascismi: cosa va nel “contratto”

L’esito del voto, una evidente volontà di rottura rispetto al regime neoliberale che dal 2011 congela la vita politica del paese sotto una insopportabile cappa di austerità priva di legittimazione democratica, consiglia sforzo politico caparbio per dare al paese un governo per invertire la rotta. La felice intuizione di Di Maio circa la necessità di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.