L’app per incontri gay e il caso dei dati sull’Hiv condivisi

La società creata in California nel 2009 accusata d’aver ceduto a terzi i profili dei clienti. “Problema già risolto”
L’app per incontri gay e il caso dei dati sull’Hiv condivisi

Esiste una piattaforma di incontri creata esclusivamente per la comunità gay: Grindr. Conta 4 milioni di utenti, ed è stata, fin dalla sua nascita nel 2009, innovativa tra le altre cose anche per il servizio di geolocalizzazione che permette a un qualsiasi utente di sapere a quanti metri di distanza si trovi l’“anima gemella” del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.