“L’ammazzò lui”. Ma il processo è impossibile

Due pentiti contro il boss - L’accusato fu già assolto in via definitiva (e risarcito per 290 mila euro)
“L’ammazzò lui”. Ma il processo è impossibile

Risarcito dallo Stato per ingiusta detenzione per un omicidio che secondo la giustizia non ha commesso (è stato assolto con sentenza definitiva), ma che invece avrebbe compiuto secondo le rivelazioni di due pentiti che hanno parlato dopo che la sentenza è passata in giudicato. Ma in Italia vige il principio del ‘ne bis in idem’. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.