La vita difficile di chi denuncia: “È dura ma ne vale la pena”

Quelli che scoperchiano malaffare e corruzione -
La vita difficile di chi denuncia: “È dura ma ne vale la pena”

Isolati. Mobbizzati sul lavoro, costretti ad andare da uno psicologo, a tirare la cinghia per sostenere le spese legali e anni di processi. Denunciare il malaffare, diventare un whistleblower ha un “prezzo di vita altissimo”. Ma ne vale la pena sempre, per il semplice motivo che “è la cosa giusta da fare”. Philip Laroma, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.